Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

A partire dal suo insediamento Mastromauro, invece di concentrarsi sul bene di Giulianova, ha distribuito nomine e incarichi a compagni e amici. Con questo stile è stato dato l’incarico al neo Assessore ai Lavori Pubblici, Manutenzione e Verde Pubblico, Mobilità e Traffico, Francesca Guerrucci. Lo stessa maggioranza avrebbe polemizzato in merito, tanto che la Consigliera PD Vasanella in un suo post scriveva:“Se vuoi volare circondati di aquile, non di polli”.

L'Arch. Guerrucci con la nuova delega di Assessore assegnatagli dal Sindaco si ritrova con un doppio incarico, in quanto già titolare di una nomina per conto del Comune di Giulianova come tecnico connesso alle pratiche di denuncia dei sinistri. In pratica il neo Assessore si ritrova a dirigere gli stessi settori ricoperti dall’incarico professionale diretto e continuativo che gli è stato assegnato già da tempo.

Si configura quindi un evidente conflitto di interessi tra la sua attività professionale e quella di assessore alla viabilità secondo quanto disposto dal D.L.gs.n.39 del 8 aprile 2013, il quale disciplina i casi di inconvertibilità di incarichi nelle amministrazioni pubbliche locali a soggetti privati che abbiano svolto incarichi finanziati dall’amministrazione o dall’ente pubblico. Per Assessori e Consiglieri comunali è vietato ricoprire incarichi e assumere consulenze presso enti e istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza dei relativi comuni, con “l intentio legislatoris” di evitare possibili conflitti di interesse tra coloro che svolgono un mandato politico e l’esercizio di attività che possono subire dei “condizionamenti” dal manus pubblico. 

CIRSU: 4 avvisi di garanzia

25 Gen 2016 Pubblicato in Ambiente

Al Cirsu tutto bene….fino a qualche giorno fa….

Dopo anni, finalmente la magistratura si decide ad intervenire sul cirsu. Dopo i tanti articoli di giornale, esposti e segnalazioni, tra cui quelle del Movimento 5 Stelle - Giulianova, finalmente i primi avvisi di garanzia a chi ha amministrato il consorzio.
Negli ultimi mesi l’aria delle località circostanti è diventata irrespirabile, e addirittura anche a Giulianova era possibile avvertire il terribile olezzo proveniente dalla discarica di Grasciano.
In tutto questo la politica ha fatto finta di nulla: sia per ciò che riguarda il fallimento, anche dopo una ricapitalizzazione costata ai cittadini dei comuni facenti parte del consorzio, altri 4 milioni di euro; sia per ciò che riguarda la situazione ambientale, oramai gravissima.

Nuovi debiti per i giuliesi

23 Gen 2016 Pubblicato in Bilancio

Maggioranza allo sbando, Giunta in continuo subbuglio, Sindaco incapace di far squadra mentre Giulianova sprofonda. 
Un 2015 di nulla, con Mastromauro impegnato in passerelle con D’alfonso, chiacchiere e nel proporre progetti inutili e distruttivi: vedasi caserma dei carabinieri nell’ex mercato coperto, con tutta la cittadinanza e le forze politiche -anche quelle di maggioranza - che hanno spinto per una retromarcia del Sindaco. 
Il 2016 si apre con un debito fuori bilancio di 300 mila euro non ancora riconosciuto e scaricato dalla stessa maggioranza del PD, che rifiuta ad oggi di approvare il debito, chiedendo una relazione esaustiva e la certificazione dell’importo al dirigente dell’area sociale e quello dell’area bilancio ancora non pervenuta. 
La proposta del Sindaco di istituire una tassa di soggiorno, è stata bocciata dalla legge finanziaria, che sospende per quest’anno il potere degli enti locali di istituire nuove tasse. 
Il Sindaco continua a sperperare quel po’ di denaro pubblico delle casse comunali in nomine e incarichi: vedi nomina legali esterni anche per i contenziosi minimi. 

Quali eventi per Giulianova?

11 Gen 2016 Pubblicato in Turismo

Il flop della Fiera dell’Epifania impone una seria riflessione sulla organizzazione degli eventi in città, qualsiasi sia la stagione dell’anno.
Anno che è iniziato decisamente male, con l’annullamento dell’evento lo scorso 6 gennaio, a cui hanno aderito pochissimi commercianti, che sono stati costretti mestamente a spostarsi da un’altra parte, a causa della pessima organizzazione. Questo evento flop è solo l’ultimo di una lunga serie, vedasi i mercatini estivi. C’è da dire che alcune manifestazioni, come il presepe vivente, sono andate molto bene, ma sono decisamente poche per una città a vocazione turistica.
Un comune serio supporterebbe ad esempio le manifestazioni organizzate dai commercianti e pagate di tasca propria come ad esempio I love shopping, con più risorse economico-finanziarie, proprio perché ci sono ricadute positive per tutta la città, per prima cosa a livello di immagine. Altre manifestazioni come Attenti al luppolo sono oramai consolidate, ma spesso gli organizzatori si trovano davanti intralci burocratici, menefreghismo da parte di chi ci amministra, inefficienze da parte del comune.

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle si oppongono fermamente alla vendita della Julia Servizi, società che risulta essere in attivo
Si parla spesso di dismissione delle società partecipate. La maggioranza e Mastromauro devono mettere per prima cosa all’ordine del giorno la dismissione della Giulianova Patrimonio, partecipata totalmente inefficiente e in continua perdita.
Oltre a preservare i posti di lavoro della partecipata, la Julia servizi deve restare pubblica proprio a causa dell’importanza delle forniture gas. Infatti, se il Comune resta proprietario si può andare incontro ai cittadini anche in caso di ritardo dei pagamenti, a causa del momento di crisi economica. Una privatizzazione e le esigenze di profitto potrebbero rendere meno flessibile la riscossione crediti di chi non è in grado di pagare con ricadute negative per chi è in difficoltà.

L’assessore Verdecchia ha presentato le dimissioni appena qualche settimana dopo il rimpasto voluto da Mastromauro. Abbiamo già detto che questa amministrazione è la peggiore della storia, peggio del Cameli secondo, che lasciò nell’abbandono la città.
Come la giunta, anche la città è allo sbando, senza una guida politica certa e i conti totalmente in rosso e tasse alle stelle. Mastromauro ha oramai i mesi contati, inviso persino al Partito Democratico.

Incubo Ruzzo

12 Dic 2015 Pubblicato in Servizi ai cittadini

A giugno Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova avevano denunciato gli aumenti del 6% sulle tariffe della Ruzzo S.p.a., un carrozzone che finanziato da anni da tutti gli abitanti della nostra provincia.
Condutture vecchie, perdite e carenza di acqua, in particolare durante il periodo estivo. Male, malissimo.
Quando le cose sembrano andare male pero’, state sicuri che andranno peggio: i cittadini saranno infatti costretti a pagare altre maggiorazioni del 19%, dovute a dei conguagli che servono a rimettere in piedi i disastrati conti del carrozzone della nostra provincia.

Chiudo o vendo tutto.

10 Dic 2015 Pubblicato in Bilancio

Di fronte al pre-dissesto finanziario, dinanzi alla potenziale bancarotta delle casse comunali, la seconda Giunta Mastromauro con il rinnovato appoggio del Pd, ha palesemente scelto di far cassa con la vendita del patrimonio pubblico giuliese.
Non si può continuare a pagare i debiti pregressi con altri debiti, è arrivato il momento di vendere!
E quindi si procede alla redazione del bando per la cessione della Julia Servizi, unica municipalizzata in utile, si mettono all’asta i terreni edificabili della zona turistica E2.1 e un lotto in area produttiva PIP a Colleranesco e giacché ci siamo, cediamo gratuitamente la gestione della cura del verde pubblico ai privati. 

Mastromauro scontenta tutti.

Le promesse della campagna elettorale continuano a svanire! Adesso è il turno di albergatori e campeggiatori, da sempre sostenitori del Pd e di Mastromauro, che ha annunciato l’introduzione della tassa di soggiorno. Ennesimo balzello che servirà a rimpinguare le casse comunali, dissanguate per la campagna elettorale del 2014.
Gli albergatori ora si lamentano e qualcuno di loro ricordava al sindaco l’appoggio dato in campagna elettorale, in cambio della promessa di non introdurre una tassa di soggiorno. 
Cari albergatori e campeggiatori, adesso tocca a voi!