Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

#IoDicoNO

18 Ago 2016 Pubblicato in Notizie

DI BATTISTA PER IL NO AL REFERENDUM A GIULIANOVA

Margherita Trifoni, capogruppo in consiglio comunale del Movimento 5 stelle, invita tutta la cittadinanza giuliese a partecipare all'unica tappa abruzzese del Costituzione coast to coast.


A Giulianova il 19 Agosto Io Dico NO!!

Il tour del portavoce 5stelle è partito il 7 agosto da Roma e si concluderà il 7 settembre a Nettuno. L'evento itinerante ha come obiettivo il racconto delle ragioni del 'no' al referendum costituzionale. Numerose le regioni toccate, dalla Toscana alla Liguria, passando per Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Puglia, Calabria, Basilicata e Campania.

"Non è vero che stanno abolendo il Senato - spiega Di Battista - l'unica cosa che vogliono abolire sono i cittadini che votano i senatori i quali verranno scelti tra i consiglieri regionali, i politici più coinvolti in inchieste giudiziarie. E a loro, magicamente, Renzi-Boschi-Verdini daranno l'immunità. Dobbiamo informarci sulle riforme costituzionali".

Margherita Trifoni -Movimento 5 stelle Giualinova

Hera meglio prima!

05 Ago 2016 Pubblicato in Energia

Julia servizi: (h)era meglio prima. I cittadini pagano bollette salate e disservizi.

Comincia malissimo la nuova (h)era della Julia servizi, la ex partecipata comunale svenduta dalla giunta Mastromauro per fare cassa e ripianare i debiti, alla società che molti indicano come vicina al PD .
Sono in arrivo le bollette di marzo-aprile e già gli utenti e le testate giornalistiche segnalano notevoli disservizi: somme gonfiate e operai pronti a tagliare le utenze per morosità anche inesistenti! In sintesi invece di controllare i contatori, sono stati fatti dei conteggi forfettari, magari per risparmiare sui tempi e sui costi, naturalmente a discapito dei cittadini.
Noi del Movimento 5 Stelle lo avevamo anticipato: una società pubblica può venire maggiormente incontro alle esigenze di cittadini. Adesso il profitto viene prima di tutto.

Il sindaco Mastromauro conferma il fatto di non indovinare nessuna delle principale scelte strategiche, e come al solito la cittadinanza deve subire. La Giulianova patrimonio, che costa 1.8 milioni di euro l’anno nonostante gli incassi della farmacia comunale, invece ancora non viene chiusa.
Margherita Trifoni chiede al sindaco di intervenire, e richiamare la Julia servizi ad effettuare le letture delle bollette, al fine di richiedere solamente quanto dovuto dalle utenze.

Margherita Trifoni – Movimento 5 Stelle Giulianova

Margherita Trifoni chiede che la giunta comunale paghi gli arretrati dovuti dal comune al Museo d’Arte dello Splendore.
Non è tollerabile infatti che il comune non faccia fronte agli impegni economici presi negli scorsi anni, nei confronti di una delle poche strutture culturali funzionanti in città.
Da qualche tempo si taglia sempre più sulla cultura e le somme stanziate sono andate costantemente diminuendo. Chiediamo di conseguenza di aumentare la dotazione concessa al MAS, come chiesto dalla direttrice, con una lettera inviata a tutti i membri dell’assise civica.
Il periodo è difficile, i conti sono in rosso, ma non si può permettere che l’ultimo polo culturale cittadino chiuda per mancanza cronica di fondi.
L’immagine del museo andrebbe altresì valorizzata e supportata dall’ente stesso. Bisogna fare uno sforzo: la cassa del comune permetterebbe di stanziare una cifra che ammonta a un paio di decine di migliaia di euro.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle – Giulianova.

Sempre sorprese….in negativo!

Anche se in negativo, la giunta Mastromauro continua a sorprendere.
Dopo i 300.000 euro mai pagati all’Ambito sociale Tordino, arriva un contenzioso di 800.000 con la società Gaspari per il trasporto scolastico. La società infatti reclama circa 800.000 euro che il comune non avrebbe mai pagato per le prestazioni effettuate negli anni precedenti.
Il contratto di trasporto era stato rinnovato tra alcune polemiche e segnalazioni della cittadinanza, da noi riportate, secondo cui i bambini non viaggiavano in condizioni di sicurezza.  
In ogni caso, come per i lavori effettuati al campo Castrum, il comune decide di non pagare le prestazioni effettuate dalla ditta, che minaccia di sospendere il servizio. Ancora una volta quindi i ritardi dei pagamenti procurano difficoltà alle aziende e rischiano di sfociare in contenziosi. Oltre al danno economico, l’immagine della città viene colpita a causa delle inadempienze dell’amministrazione.
La fine dell’esperienza di sindaco di Mastromauro dicono che arriverà prima di Natale. Manca qualche mese… speriamo che il tempo passi in fretta. 

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle - Giulianova

Romolo Trifoni, un galantuomo.

Il Movimento 5 Stelle Giulianova esprime la propria vicinanza al consigliere Margherita Trifoni, dopo il vile attacco da parte di Mastromauro alla memoria del padre Romolo Trifoni, forse il sindaco più amato della storia della nostra città, scomparso pochi anni fa.
Lunedì sera il consiglio comunale è stato teatro di uno degli attacchi di livello più basso che si siano mai ricordati nel consesso civico, da parte di Mastromauro che conferma di essere il peggiore primo cittadino della storia della nostra città, a un galantuomo come Romolo Trifoni.
Per noi questa non è politica. Spesso abbiamo stigmatizzato la uscite scomposte del primo cittadino, ma questa volta si è passato ogni limite. Polemiche del genere non sono tollerabili e un sindaco non dovrebbe nemmeno lontanamente rendersi protagonista di simili episodi. 
Lo stesso consiglio ha visto l’astensione di una parte del PD sull'assestamento di bilancio e lo scioglimento della seduta per mancanza di numero legale. Mastromauro è al capolinea dal proprio mandato, probabilmente al capolinea della propria carriera politica. 
La luminosa figura di Romolo Trifoni verrà a lungo ricordata. La parentesi Mastromauro resterà nella memoria come un periodo buio per la nostra città. 

Movimento 5 Stelle - Giulianova

Castrum: solo storytelling alla Renzi, la realtà è ben diversa! Tempi di realizzazione raddoppiati.


Incredibile! Il sindaco esulta per i lavori al Castrum, che hanno un ritardo di sette mesi…. ritardo che tra l’altro aumenterà, dovendo essere messe le recinzioni e le luci.
I lavori (costati un milione di euro circa a regione e comune) dovevano essere terminati il 2 gennaio 2016….a luglio 2016 sono ancora in corso e il sindaco ha il barbaro coraggio di andare a fare propaganda, esprimendo la propria soddisfazione. 
Non ci sono parole. Il sindaco deve pagare le ditte che hanno lavorato, saldando i debiti, e scusarsi con la cittadinanza per i disagi causati. 

Il resto è solo propaganda che si scontra con i numeri reali! Storytelling alla Renzi, nulla più.

Margherita Trifoni- Movimento 5 Stelle Giulianova

Un'estate ricca di debiti.

18 Lug 2016 Pubblicato in Bilancio

Debiti estivi.


I Giuliesi dovranno subire l’ennesimo salasso: tanti debiti frutto delle cattive amministrazioni , che vengono fuori pian piano e che saranno naturalmente pagati con i sacrifici della cittadinanza.
L’esproprio del Parco Franchi pagato 4,5 milioni è l’eredità politica di Antonio Franchi. 
Ora arrivano 300.000 per l’Ambito sociale tordino, in riferimento agli anni 2011-2012, debiti della giunta Mastromauro. In più ci sono i debiti che dovranno essere pagati dai comuni del consorzio al momento dello scioglimento tra due anni, circa 1 milione di euro per il comune di Giulianova.


Il comune è stato condannato pochi giorni fa al pagamento di 378.000 per l’ esproprio del 1976 per realizzare i centri sportivi. Il comune ha affidato il ricorso ad un avvocato con una parcella di 34.000 euro, per una causa che verrà probabilmente persa dal comune.
Totale 700.000 euro (per il momento) che andranno a zavorrare il già precario bilancio comunale per i debiti contratti e mai pagati negli ultimi 40 anni.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle Giulianova

I consiglieri del Movimento 5 Stelle P. Terzilli (Bellante) P. Filipponi (Mosciano S. Angelo) e M. Trifoni (Giulianova) chiedono ai sindaci dei comuni del consorzio di fare chiarezza sulla situazione in cui versa l’Ambito Sociale Tordino.

 

Da una prima analisi dei documenti lo stato dei conti sembra essere preoccupante, con debiti dell’Ambito che ammontano a circa due milioni di euro. Debiti di cui i comuni dovranno rispondere in un futuro prossimo.

Ricordiamo che l’esistenza dell’Ambito è stata prorogata nel settembre 2015 con una decisione dei membri del consorzio e non del consiglio comunale in prima istanza (violazione art. 114 TUEL), che hanno optato per allungare la vita dell’ente, comunicandolo ai consigli comunali solo vari mesi dopo e non entro 20 giorni (violazione art. 9 della convenzione e 9 bis dello statuto). Testimonianza della opaca gestione dell’ambito è in primis lo stesso albo web che non viene aggiornato – come disposto dalle legge di riferimento - oramai da tempo immemore, mancando la quasi totalità dei documenti.

 

I vari comuni stessi hanno centinaia di migliaia di euro di debiti verso l’ente: Giulianova 300.000 euro, Mosciano 150.000 euro, Bellante 110.000 euro, ma fanno ricadere la colpa su regione e provincia, anch’esse debitirici. In sintesi avviene lo scarica barile tra Ambito, comuni, provincia, regione, mentre i lavoratori delle cooperative non percepiscono gli stipendi arretrati e gli stanziamenti e i servizi vengono ridotti a discapito dei più deboli, che resteranno senza assistenza. Diciamo basta a tutto cio’, chiediamo ai comuni di pagare gli arretrati e chiediamo all’ambito di provvedere a liquidare ai lavoratori le mensilità arretrate.

M. Trifoni Movimento 5 Stelle – Giulianova

P. Terzilli Movimento 5 Stelle – Bellante

P. Filipponi Movimento 5 Stelle – Mosciano S. Angelo

 

E’ imbarazzante il silenzio di Mastromauro sui tagli che colpiranno il nostro ospedale, più imbarazzante delle passerelle da lui organizzate per d’Alfonso che veniva a fare promesse, mentre il declassamento dell’ospedale era già stato deciso.
Non una parola dal primo cittadino, il cui unico interesse è invece non mettersi contro il governatore regionale, magari per essere in lista alle prossime elezioni del parlamento. L’interesse personale è messo ancora una volta davanti al bene della nostra città. E anche nel resto della provincia quasi tutte le forze politiche tacciono, mentre i servizi vengono tagliati a discapito dei cittadini, in particolare dei più deboli.

Il Movimento 5 Stelle Giulianova e Margherita Trifoni alla fine del 2014 avevano già fatto presente a D’alfonso - venuto in città accompagnato dal codazzo di politici locali - il proprio punto di vista e la propria opposizione al piano sciagurato portato avanti da lui e Paolucci, appoggiato dal PD locale.
Il consigliere regionale Mercante ha fatto sentire la propria voce in regione in difesa della struttura cittadina e delle altre della nostra provincia, fanalino di coda nel nuovo piano regionale.
Invitiamo la cittadinanza a mobilitarsi e chiediamo a tutti quelli che anche in passato hanno lottato per la difesa della struttura di aiutarci nella lotta, al fine di evitare il declassamento della struttura.
All’appello si uniscono i consiglieri del Movimento P. Terzilli di Bellante e P. Filipponi di Mosciano S. Angelo; in quanto le ricadute negative colpiranno i cittadini dei paesi limitrofi e di tutta la provincia.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle – Giulianova
Patrizia Terzilli Movimento 5 Stelle – Bellante
Pierluigi Filipponi Movimento 5 Stelle – Mosciano